mercoledì 10 settembre 2014

Ritorno nel web


"Da dove sono venuto, dove mi hai preso?"
chiese il piccolo a sua madre.
E lei, fra il pianto e il riso,
stringendo il bambino al petto
rispose: "Amore mio,
eri un desiderio nascosto nel mio cuore"
Rabindranath Tagore, The crescent moon


Sono tornata, la mia lunga latitanza dal web è terminata.
In questa pausa mi sono dedicata totalmente a fare il mestiere più difficile del mondo: la mamma. Non che adesso sia finito ma la mia piccola sta crescendo e con l'inizio dell'asilo nido spero di avere un po' più di tempo per recuperare e riorganizzare la mia vita.

Diventare mamme è l'evento più straordinario e misterioso che io abbia mai vissuto. La mia vita per un periodo non è sembrata più la mia, totalmente assorbita dalla nuova arrivata che chiede perché senza di me non può sopravvivere.

La nascita di un figlio cambia completamente tutto e la bellezza dell'evento porta con se anche momenti faticosi, momenti di grande solitudine,  momenti in cui ci si sente incapaci, inadeguate,  momenti in cui si vorrebbe scappare via, momenti in cui la paura di non essere pronte a custodire una nuova vita ci assale e ci fa piangere.

Ecco perché dedico questo post a tutte le mamme che a volte si sono sentite delle cattive mamme, mentre sono semplicemente delle donne che stanno imparando l'arte di amare gratuitamente.
Ed a loro consiglio questo splendido libro che ho letto in pochi giorni, nelle pause tra una poppata e l'altra, tra un pianto e l'altro, tra un sonnellino e l'altro




Con il passare dei giorni, imparando camminando ho costruito con  la mia bimba, anche sbagliando, il nostro unico e speciale dialogo e quando  lei mi guarda sento che tutto l'amore del mondo racchiuso nei suoi grandi occhi mi viene donato gratuitamente.

Ai miei figli

Dove il fiume della vostra vita scorre
lungo le sponde delle  vostre verdi ore
ho vegliato in silenzio
come un albero che guarda
sbocciare a primavera i suoi fiori

Se tutto il resto può sembrare bugia
a me è stata concessa la magia
di osservare rispecchiati in limpide acque
sorgere soli
e lune cullarsi nel mistero dei vostri occhi.
Freny Bhownagary


7 commenti:

  1. Bentornata!!!
    Un abbraccio a te e alla tua bimba.
    Nunziatina

    RispondiElimina
  2. Bentornata Francesca! so quanto sia difficile fare la mamma, ma e' la cosa piu' bella della vita di una donna. Adesso che sono nonna ne sono certa. Un abbraccio. Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, hai proprio ragione, me ne sto rendendo conto giorno per giorno. Un abbraccio anche a te.

      Elimina
  3. Bentornata cara Francesca!! Tanti auguri alla nuova mamma e alla tua bimba. Congratulazioni!!!!
    Un grande abbraccio
    Buona domenica
    erba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Un abbraccio anche a te. A presto.

      Elimina
  4. Bentornata Francesca! Bellissime e quanto mai vere le tue parole! Solo chi ha provato la gioia della maternità sà cosa vuol dire, e ogni mamma ha un rapporto speciale con i propri figli anche se a volte molto travagliato...
    Anche se per certi periodi sembra che si allontanino da noi, i nostri figli ritornano sempre.
    un grosso abbraccio
    sabrina

    RispondiElimina